Federazione dei Cristiano Popolari
FDCP, La forza del dialogo
ECONOMIA: TUTTI I RINCARI PREVISTI PER IL 2013
Categories: Attualità, Società

Federazione dei Cristiano Popolari: “Anno nuovo…nuove tasse”  verrebbe da dire riflettendo sulle nuove tassazioni in arrivo per gli italiani nel 2013. L’anno appena iniziato porterà con sé un ulteriore aumento della pressione fiscale. Le previsioni del governo stimano, infatti, che il 2013 vedrà salire ulteriormente la pressione fiscale dal già alto 44,7% del 2012 al livello record del 45,3% . Ben tre le nuove tasse che entreranno in vigore nel 2013: Tares, Tobin Tax e Ivie. L’Ivie, l’imposta che si paga sul valore degli immobili all’estero, parte subito, mentre la tanto annunciata Tobin Tax, la tassa sulle transazioni finanziarie, entrerà in vigore a marzo. Ma la tassa che più toccherà gli italiani è la Tares, la nuova tassa sui rifiuti, che si pagherà dal prossimo aprile con un forte aumento. La Tares, che sostituisce la vecchia Tarse e assorbirà la Tassa di Igiene Ambientale, verrà calcolata sulla grandezza degli immobili. A queste nuove gabelle si somma un altro pesante balzello per famiglie e consumatori: l’aumento dell’Iva, con l’aliquota al 21% che salirà di un punto, al 22%, a partire da luglio.

Anche sul fronte dei consumi si preannunciano nuovi rincari a gravare sul bilancio mensile delle famiglie italiane: si prevede infatti, un rincaro dell’1,7%, pari a 22 euro all’anno, per le bollette del gas, mentre per l’acqua la tariffa aumenterà di 26 euro l’anno a famiglia. Un aumento del 2,91% e su rete Aspi del 3,47% per le autostrade, previsto anche il rincaro da 16 a 26,50 euro delle tasse a carico dei passeggeri  che saliranno allo scalo di Fiumicino. Sul fronte dei servizi le Poste Italiane registrano esosi aumenti: più cari di 10 centesimi i francobolli per le lettere, e di 30 centesimi per le raccomandate a cui si aggiunge il canone annuo di Bancoposta  che salirà da 30,99 a 48 euro; l’imposta di bollo passa dallo 0,10 allo 0,15%. Esenti buoni postali fruttiferi con rimborso inferiore a 5.000 euro e i fondi pensione. Avere più di un auto in famiglia per l’italiano medio inizia ad essere una vera e propria rarità dati gli ulteriori aumenti di circa 60 euro all’anno che registreranno le polizze Rc Auto. Più alte le contravvenzioni stradali che Lieviteranno del 5,9%. Ad esempio, il divieto di sosta passa da 39 a 41 euro, l’eccesso di velocità (fra i 10 e i 40 Km all’ora oltre il limite) da 159 a 168. Chi non mette la cintura potrà essere sanzionato con una multa che passa da 76 a 80 euro e se si parla al telefonino mentre si guida si rischia di dover pagare 161 euro. Ci sono però anche notizie positive: sono previsti, per il 2013, nuovi sconti per i figli a carico, mentre, grazie ai proventi della lotta all’evasione fiscale, dovrebbe essere possibile una riduzione della pressione fiscale per le famiglie e le imprese.

 

 

I commenti sono chiusi.