Federazione dei Cristiano Popolari
FDCP, La forza del dialogo
WEEK END CON UN LIBRO

Luca Ricolfi, La Repubblica delle tasse. Perchè l’Italia non cresce più.

ed.2012,Collana Saggi Rizzoli, pp.216, € 18,00

Tutti si riempiono la bocca con il rilancio del Paese, ma poi nessuno fa la mossa decisiva: abbassare la pressione fiscale su chi produce ricchezza. “Dovremmo avere il coraggio di dire che le tasse sono una cosa bellissima.” Quando nel 2007 Padoa-Schioppa rilasciò questa dichiarazione, furono in molti, a destra come a sinistra, a storcere il naso. Eppure, che ci piaccia o meno, aumentare la pressione fiscale è da sempre la ricetta italiana per tentare di far quadrare i conti. Il gioco al rialzo prosegue ininterrotto dalla nascita della Repubblica, ma dalla fine degli anni Ottanta ha preso un ritmo tale da immobilizzare il Paese. Al tempo stesso, per racimolare consensi, i governi hanno alimentato a dismisura il debito e la macchina della spesa pubblica, dando vita a un circolo vizioso che ci ha progressivamente messi in ginocchio.
Oggi che la crisi ha svelato le nostre debolezze, le conseguenze di questo stillicidio economico sono evidenti in modo drammatico: peggioramento del tenore di vita, disoccupazione giovanile, indebolimento dello Stato sociale.
Pagare si deve, su questo non c’è dubbio, ma una classe politica responsabile deve capire chi e quanto tassare. L’Italia in questo ha storicamente dimostrato una miopia bipartisan: né la destra né la sinistra hanno capito che per rilanciare un Paese bisogna dare ossigeno a chi produce, riducendo tasse gravosissime come l’Irap, un balzello che da solo è in grado di scoraggiare chi crea ricchezza.

I commenti sono chiusi.